Torta di riso per Elena,detta anche Torta Dai Dai!

 
Daai Simo pubblichi la tua ricetta della torta di riso? dai!?..dai!?!
Elena e' una collegamica,ogni tanto quando ci sono riunioni e feste siamo gomito a gomito in cucina per preparare il buffet..(non e' che siamo le piu' brave,e' che siamo le uniche che lo fanno !)..lei legge i miei post,non lascia un commento neanche a morire..non e' tra i followers ufficiali..ma e' certamente la piu' aggiornata tra quelli ufficiosi.
Elena eccola qui!
questa ricetta non e' quella depositata alla camera di commercio di Bologna ,a proposito lo sapete che il vero nome e' Torta degli Addobbi??..si preparava per festeggiare i decennali delle parrocchie,nella giornata di processioni e funzioni religiose,le parrocchiane le preparavano tagliate a rombi,con lo stuzzicadenti infilato in mezzo..e mettevano i vassoi sui davanzali cosi' quando passava la gente si serviva,e' la piu' antica ricetta di Bologna credo risalga al XVII°secolo.. Bon..finito il momento Quark..torniamo alla ricetta!

ingredienti x una tortiera diametro 24.

300 gr.di riso Roma (va bene anche il Vialone),
1 lt.di latte intero ,
1limone non trattato,
200 gr.di zucchero,
100 gr di mandorle tostate e tritate fini,
50 gr.di amaretti tritati fini,
100 gr.di cedro candito tritato fine ,
2 cucchiai di liquore (io Sassolino),
6 uova,
zucchero a velo.
Mettete il riso lo zucchero e la scorza del limone grattugiata nel latte freddo e cuocete a fuoco basso(il riso deve essere ben cotto..ci vogliono 25 minuti circa)...dopo la cottura lasciate raffreddare..otterrete una pappa poco invitante,deve essere cremosa ma non secca,se in cottura vedete che si sta asciugando troppo aggiungete 1 cucchiaiata d'acqua..ma se avete la pazienza di tenere la fiamma bassa e mescolate spesso non dovreste avere questo problema.
Una volta raffreddata aggiungete le uova e amalgamatele bene,poi le mandorle,la polvere di amaretti ,il cedro candito e il liquore,mescolate bene tutto e dovreste avere una crema fluida.
Versate il composto nella tortiera rivestita di carta da forno e cuocete in forno preriscaldato a 140°(non ventilato!) x....3 ORE!!circa..ecco perche' quasi nessuno fa piu' questo dolce squisito...pero' se lo cuocete a temperatura piu' alta si cuoce bene sopra e sotto e l'interno rimane paciugoso,quindi io vi suggerisco di prepararne 2..cosi' almeno non sprecate corrente!
Consiglio di mangiarla il giorno dopo..provate a resistere!
Questa torta potrete congelarla sia intera che a quadrotti,ma scongelatela a temperatura ambiente .
Nella ricetta autentica,il liquore e' il Mandorlamara,e non viene messo nell'impasto ma a cottura finita,praticando dei forellini con lo stuzzicadenti e cospargendolo sulla superfice...ma come sapete io sono astemia...e comunque e' un dolce adattissimo ai bambini e preferisco che l'acool sia evaporato e rimanga solo l'aroma,ma voi provate se vi va!
Io sulla superfice preferisco lo zucchero a velo!
ciao!
simona 

Commenti

  1. Ciao simo,
    come state?! (Mi spiace che la terra continui a tremare, spero tutto ok.)
    Passando al tuo post, anch'io ho amiche come la tua, fedelissime, sempre informate, ma che non hanno mai commentato. E anche loro come Elena, molto brave ai fornelli. Di questa torta, vedo spesso diverse versioni, non so quale sia da "camera di commercio" ma so soltanto che ogni volta penso di volerla provare. Sarà la volta buona?! un abbraccio e buon w-end.

    RispondiElimina
  2. Ciao Serena!io ero al lavoro e poiche' e' una costruzione in legno,antisismica non ho sentito la scossa (o forse sono solo un po' rinco..bha')ma a casa si e' sentita bene!..ma nessun danno per fortuna,invece la torta di riso l'ho sentita bene ah ah! provala e trova il modo di farla senza latte..(ci avevo anche pensato..chissa'magari m'inventero' qualcosa,
    ciao,besos!buon we anche a te.

    RispondiElimina
  3. ..... a questo punto non posso tacere, a parte che non ci riesco mai,e rompo il silenzio per ringraziarti della ricetta. Non credo di essere una brava parrocchiana, ma sicuramente un'ottima mangiatrice di torte!!!! Proverò a farla in versione alcolica, la spaccio anche ai nonni ed ai colleghi, vediamo che succede. Dai Dai!!!

    RispondiElimina
  4. Ciao Elena!ooggi l'hai anche assaggiata cosi' puoi decidere!con il liquorino i nonni saranno certamente piu' allegri!
    ciao!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari