Torta di ricotta cioccolato e clementine per Paola..una domenica al Sigep




 Ecco la mia Torta Paola!
perche' si chiama Paola direte voi?? ( suvvia ditelo!! ..l'avete detto?),
si chiama cosi' perche' Paola Cristini mia amica di FB..in arte la mia fornaia pasticciera di fiducia mi ha regalato un'invito per il Sigep in modo che anche Ciruzzomio potesse entrare,Paola in cambio ha voluto solo la dedica nel primo dolce che avrei pubblicato quindi eccolo!
Io avevo il biglietto come blogger (miiii in sala stampa..ripeto in SALA STAMPA..mi hanno chiesto:" di che testata?!? ..io ero li' per dire che la testata la devo aver presa da piccola una delle mille volte in cui mi sono buttata giu'dal seggiolone..poi ho farfugliato blo@@zbrtrpzxer..e mi hanno ficcato in mano pass-buono parcheggio-elenco espositori borsina..e un po' di altri depliantes vari..tho'..e cosi' e' partito il domenicatour al Sigep.
fine prima partedel post!
inizio seconda ..indovinello !!
Che cos'hanno in comune:

1 chitarra,
un teschio,
una chiave inglese,
1 pettine,
1 cucchiaio,
1 ferro di cavallo
 e 1 pistola?!?!?

chi mi risponde??

pensavo di darvi la risposta nel prossimo post,
pensavo di mettere qualcosa in palio,no,non mi di te che avete indovinato non ci credo ..dai provate..niente??
bene !chiudete gli occhi,ora pensate ad un'oggetto uno qualsiasi ,che so..
una chiave?
una mela?
una..cosa..robe porno?!' si anche..
bene tutto,cio' che e' toccabile,tastabile e' riproducibile in CIOCCOLATO!!
guardate qui
 



e poi  Sigep! 
signoremie il nome e' sbagliato!!
lo so che vuol dire Salone Internazionale Gelatieri e Pasticcieri..
ma secondo me "paradiso dello stampo" era piu' efficace,
ho visto stampi di tutte le forme,misure,per qualsiasi ingrediente, ovviamente avrei portato a casa tutto,c'era il maestro Iginio Massari che e' veramente un maestro con la M maiuscola,le sue tecniche cosi' perfette fanno sembrare semplici anche le torte piu' complicate (tenete sempre presente la parola SEMBRARE,perche' in effetti tra ingredienti particolari pesi specifici e anni di esperienza  ce ne vuole..)
c'erano gli studenti dell'accademia che modellavano stupende sculture di cioccolato..




 insomma sono venuta a casa con la stessa sensazione di essere uscita dal paese dei balocchi,anche se ho visto molto moltissimo spazio per la ristorazione di massa,  ristoranti  hotels mense..un sacco di cose per la ristorazione veloce,ma ahime' era anche il Festival del conservante, e io se posso evitarli lo faccio,ma capisco anche che certe attivita' campano con quelli.
Non sono riuscita a vedere tutto ,
c'era un casino veramente incredibile,io pensavo che pasticcieri e ristoratori di domenica lavorassero invece li' c'era il mondo!
fine parte 2!!
parte 3

 la torta Paola! 
 e' una cheese cake  a freddo con base di biscotti al cioccolato,
crema di ricotta cioccolato e mandarino e gelee di mandarino.
questa e' x uno stampo di 18 cm.

x la base :
150g.di biscotti al cioccolato ( io avevo dei Pandistelle),
50g.di burro,
mettete nel mixer biscotti e burro morbido,macinate tutto e avrete della sabbia umida,pressatela sul fondo di una teglia a cerchio apribile(con il batticarne si fa benissimo) e mettete in frigo.

x la crema:
300 g.di ricotta( io light),
50 g,di cioccolato extra fondente tritato,
2 mandarini bio (buccia grattugiata e succo),
1 cucchiaio di maizena,
70 g.zucchero a velo (x me  50 fruttosio rimacinato).
mettete in una ciotola la ricotta,il cioccolato tritato,la buccia grattugiata dei mandarini e lo zucchero ,lavorate tutto a crema (si fa benissimo anche a mano),
in un pentolino sciogliete la maizena con il succo del mandarino,mettete su fiamma bassa e fate sciogliere benissimo (un paio di minuti bastano),mescolatela alla crema,quando e' tutto ben amalgamato versatela nella tortiera e rimettete in frigo.

x la gelatina :

1bicchiere di succo di mandarino,
1 cucchiaio di zucchero,
1 cucchiaio raso di fiocchi di agar agar.
Questa e' la proporzione per avere una gelatina soda ma spalmabile,
potete fare una quantita' da mettere in vasetto,perche' si conserva bene x mesi,l'unico accorgimento da seguire e' quello di non capovolgere il vasetto ma far fare il sottovuoto a bagnomaria o nel forno ,perche' si raffredda e rassoda molto velocemente,e capovolgendola rischiate di formare dei vuoti d'aria nel vasetto (leggi botulino!) o state attente e lo tenete capovolto al massimo 1 minuto poi lo raddrizzate  io pero' preferisco il bagnomaria in forno .
x questa torta io ho raddoppiato la dose. 

 Filtrate il succo con un colino molto fine e mettetelo in un pentolino 
con lo zucchero e i fiocchi  di agar agar ,su fiamma bassissima continuate a mescolare fino a che saranno completamente sciolti zucchero e fiocchi  circa 5 minuti (se aumentate le dosi dovrete aumentare anche il tempo di cottura al massimo 20 minuti (fino a leggera ebollizione su fiamma bassa).
Versate la gelatina sulla crema e mettete in frigo 
finiti tutti i passaggi  deve stare in frigo almeno 3 ore (x me 1 notte),
se volete decorarla come me fate uno sciroppo di uguale peso di acqua e zucchero e metteteci le fette abbastanza spesse 1 cm circa,cuocetele su fiamma bassa per mezzora,girandole ogni tanto,poi mettetele ad asciugare su una gratella, quando saranno  un po' asciutte mettetele in frigo a rassodare poi decorate la torta.





e' una torta di preparazione veramente semplicissima ma fa un bell'effettone!
con queste dosi vi risultera' una torta alta circa 5 cm.
ciao!
simona

 

Commenti

  1. Sapevo che avrei riso, ma quella della "testata" mi ha fatto piegare in due !! Immagino che sarai uscita da lì letteralmente ubriaca, però che belli questi eventi!! Quanto alla ricetta, ho notato che hai usato l agar agar in fiocchi .. il mio rapporto con l agar è simile a quello con la sparabiscotti .. ce l ho ma .. (vergogna) .. mi manca il know how!! ;) adesso ti lascio e torno alla mia traduzione della mortadella per i sauditi .. questo è un altro capitolo!! ;) baci simo e buona serata!!

    RispondiElimina
  2. Serena!! sta cosa dell'agar agar la devi superare!! ma tu lo sai cosa contiene la colla di pesce???!??? eddai vai a leggere!!
    L'agar agar in fiocchi si usa anche meglio della colla di pesce,e' vegan e' insapore,e' rapida..ma cosa devo fare x convicerti??
    fammi il piacere fai una crema senza latte e mettici dentro 2 cucchiai rasi di agar poi dimmi!!!
    besos!

    RispondiElimina
  3. Insomma ti sei sentita un pò come alice nel paese delle meraviglie? e lo so, provato anche io lo scorso anno. il SIGEP è strepitoso, un vortice dolce senza tregua! Carinissima la mini cheescake con i mandarini, una bella idea fresca. Un saluto, Angela

    RispondiElimina
  4. Ciao Angela !e' proprio cosi' il paese delle meraviglie!ti viene voglia di comprare tutto!

    RispondiElimina
  5. Invito speciale: Ti aspettiamo per partecipare ai nostri contest!! Con piacere saremo liete di vederti tra le partecipanti!! Passa una Buona Giornata, Vally e le donne di Cà Versa
    http://agriturismocaversa.blogspot.it/p/quinto-contest-di-ca-versa.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari