Frappe,chiacchiere..qui a Modena Al frapi!









 Al frapi..sembra una roba araba..Al shallat,Abdel Al rabat.
Al frapi tradotto dal modenese Le frappe!
che in ogni provincia ,anzi paese ,d'Italia hanno un nome diverso ma  dappertutto sono da sempre l'immagine del Carnevale.
Questa e' la prima volta che le faccio,
sara' la fortuna del principiante,sara' che ero ispirata,sara'perche' ti amo, 
ma son venute proprio bene !
La ricetta me l'aveva passata mia suocera anni fa,quelle ricette che scrivi su un foglietto poi lo dimentichi fino al giorno giusto.
Oggi!
E' anche semplice, che non guasta!

x 2 vassoi grandi  vi occorrono:

500 g.di farina00,
4 cucchiai di zucchero,
1 bicchierino di Sassolino (o grappa o sambuca),
la punta di 1 cucchiaino di sale,
la buccia grattugiata di 1 limone bio,
80 g.di strutto,
2 uova medie,
1 bicchiere d'acqua (circa),
zucchero a velo come se non ci fosse domani!

x friggere:
1 lt.di olio di girasole,
200g di strutto.

Mettete nella ciotola dell'impastatrice (o sulla spianatoia)  la farina,la buccia di limone,il sale,lo zucchero , il liquore e lo strutto,cominciate a impastare,poi unite una alla volta le uova,quando  e' tutto amalgamato comiciate ad unire l'acqua continuando ad impastare fino ad ottenere un impasto sodo ed elastico 
(di acqua io ne ho messo circa 3/4 di bicchiere della nutella).
Avvolgetele il panetto di pasta nella pellicola e lasciatelo riposare in frigo almeno mezz'ora,poi stendete la pasta con la macchinetta,io ho quella vintage dell'Imperia e ho fatto questi passaggi 2 con la tacca 1,1 con la 3 e 1 con la 4.
Con la rotellina ho tagliato delle striscie larghe circa 3 cm e lunghe come la striscia di pasta ..circa 50 cm,che ho appoggiato sul tagliere ..a..a... stella filante?..finto nastro? at cazzum?? non c'e' un nome x sta cosa (anche perche' quando si mette in padella la forma la decide l'olio)comunque c'e' chi taglia delle losanghe poi fa i 3 taglietti in mezzo,chi fa il rettangolo con 1 taglio e fa passare un lato dentro al taglio..qui a Modena vanno le striscie incasinate!
Nel wok o in una pentola a bordi alti mettete olio e strutto,portate a temperatura 175°(se non avete il termometro intingete uno stecco di legno,se frigge l'olio e' pronto).
Friggetene 3 o 4 alla volta,toglietele con la schiumarola appena prendono leggermente colore NON devono dorare,
devono rimanere "gialline",appoggiatele su carta assorbente,
e appena sono tiepide cospargete con abbondante zucchero a velo!
Ora aprite la finestra e andatevi a cambiare ,puzzerete di fritto come l'ambulante delle frittelle alla Sagra del paese!
pero' sono buone,con una bottiglia di moscato portano allegria ovunque!
Buon martedi' grasso!
simona

ps:dalle vostre parti come le chiamate??

pps:
potete mettere il liquore anche se ci sono bambini,perche l'alta temperatura dell'olio fa evaporare completamente l'alcool e lascia solo l'aroma.



Commenti

  1. L'inizio prometteva un viaggio in Medio Oriente e invece .. ufffffffff siamo rimasti qui!!! ;) Anche da noi chiacchiere ma ci sono tantissimi nomi! ti abbraccio simo e complimenti, sono belle gonfie e tutte attorcigliate :) Baci baci

    RispondiElimina
  2. Non importa come si fanno chiamare, sono sempre buonissime! Direi che il foglietto ha scelto il momento giusto per saltare fuori!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari