Crema Catalana ...un posto nel cuore.









C'e' un posto che mi porto nel cuore.
Non e' un ricordo di bambina,
e' un posto che ho vissuto un' po' di anni fa,
non e' un'errore grammaticale magari ne troverete altri,
questo va bene cosi': ho vissuto.

E' un posto che in cui la gente va d' Estate,
e quasi sempre torna a casa delusa..si aspettano meno casino,piu' pulizia,
tutti ci vogliono andare,e quando ci vanno,
tutti  vogliono trovare un posto tranquillo..
ma la maggior parte di loro va la' a cercare la trasgressione..non si rendono conto che i trasgressivi sono proprio loro,perche' in realta' la gente del posto non apprezza per nulla gli eccessi.

Io di questo posto ho amato l'inverno,

23 gradi di temperatura a Gennaio,
quando potevo  fare chilometri senza incontrare nessuno,
avevo intere spiagge a disposizione,
le persone si contattavano senza telefono,si andavano a cercare.

Le albe arrivavano piu' tardi di circa 1 ora,
alle 7 il cielo era viola e le case bianche risaltavano fino a sembrare madreperla,
alle 8 rosso fuoco,e le case diventano rosa come corallo.

La terra era  rossa come i campi da tennis di una volta,
e in certi punti si mescolava con la sabbia bianca.
Il mare era turchese,poi blu,poi verde..in alcuni punti era trasparente e tu potevi vedere i pesci che sembrava nuotassero nell'aria.

Era inverno,
l'aria profumava di rosmarino,di lavanda, di ginestra e di resina,
se ti avvicinavi al mare era prepotente il profumo del sale e della rucola,
che cresceva alta come radicchio,
profumo di rucola e salsedine.

Le montagne erano di un bianco accecante e brillavano al sole,
non era neve,
erano montagne di sale candido ai lati delle saline.

La gente era colorata,
signore che si avvicinavano alla settantina (e forse piu'),andavano a passo svelto con le loro sottanone ty-dy ..ricordi dell'epoca hippy,
con ciocche di capelli turchesi,o fucsia..facendo tintinnare i mille bracciali d'argento,
sfoggiando le loro rughe senza sentirsi ridicole o inadeguate.
Erano bellissime

I bambini li potevi sentire giocare fino a tarda notte nei parchi,
le mamme passeggiavano nei dintorni senza paura,
senza timore se qualcuno si avvicinava..cosa che non vedevo piu' da anni.

La gente alla domenica si incontrava in campagna o al mare,
si facevano collette e si improvvisavano grigliate ,
si viveva la domenica in compagnia di amici conosciuti quel giorno,
non c'era bisogno di essere presentati da qualcuno,
bastava esserci.

La musica era ovunque,
 di tutti i tipi,
spesso sentivi suonare una chitarra in un bar e nel giro di pochi minuti c'era qualcuno che cantava,ballava,scandiva il tempo con il battito delle mani.
Non c'era obbligo di consumazione,tu potevi entrare,fermarti anche tutta la notte,senza tirare fuori un soldo.

C'era il mercato,non un mercato come i nostri,
era un mercato fatto di scambi,non di commercio,
c'erano contadini che vendevano i loro prodotti,ma erano disposti a scambiarli con quello che non usavi piu',o con qualcosa che vendevi tu,
c'erano artigiani,artisti,donne che vendevano il loro miele,marmellate.
Non c'erano registratori di cassa,scontrini fiscali,burocrazia,
se volevi disfarti di qualcosa   andavi li' pagavi l'equivalente di 2 euro e 50 e potevi esporre le tue cose in tranquillita',conoscevi gente e tornavi a casa sempre con qualcosa di nuovo senza aver speso un soldo.


Ogni giorno di sole era un motivo per sorridere.

Non sono piu' tornata in quel posto,ho paura di tornare e vedere che non e' piu' cosi'...di tornare delusa.


da li' vi porto la ricetta di questa crema,

che non e' come ho letto in giro cotta a bagnomaria (quello e' il latte alla portoghese,che viene comunemente chiamata Creme Caramel),

che non e' fatta solo di latte,
che l'unica spezia che accetta e' la Vaniglia,quella vera,
che il suo segreto e' nella crosta,fatta dal doppio strato,
e che quando lo spacchi con il cucchiaio,sotto non deve essere soda,
ma morbida e voluttuosa.

ingredienti per 4 tazzine monoporzione.
  • 300 ml di latte intero,
  • 200 ml di panna fresca,
  • 60 g.di zucchero,
  • 25 g.di amido di mais,
  • mezza bacca di vaniglia (non va bene l'estratto e assolutamente no alla vanillina!piuttosto niente!
  • 4 tuorli.
  • 5 cucchiai di zucchero di canna tipo Demerara non Muscobado!
  • un pezzetto di buccia di limone non trattato.
 incidete la bacca di vaniglia,apritela ma non togliete i semi,mettetela in una pentola a fondo spesso insieme alla buccia di limone non grattugiata ma un pezzetto unico,unite il latte e la panna,accendete il fuoco basso e portate all'ebollizione.

Mentre si scalda,
in una ciotola mettete i tuorli e lo zucchero e montateli poi aggiungete l'amido di mais e amalgamate bene.

Appena prima che il latte  cominci a bollire,togliete il limone e la vaniglia e versatelo a filo nel composto di uova e zucchero sempre mescolando.

Una volta che e' tutto amalgamato e senza grumi,rimettete nella pentola e riaccendete il fuoco basso,mescolate SEMPRE,
questa non e' una ricetta che si puo' abbandonare,se suona il campanello lasciate perdere,la crema catalana vuole la vostra attenzione!
e' permalosetta e si rassoda con un sacco di grumi se non la trattate come vuole.

Continuate la cottura fino a che avrete un cucchiaio ben velato,ma deve essere fluida (occorrono circa 15 minuti).

Dividete la crema in 4 tazzine e mettete in frigo nella parte bassa ,
senza pellicola a contatto,perche' qui la pellicina che si forma nel raffreddamento servira'a isolare lo zucchero per la caramellizzazione,
se la pellicina non c'e' lo zucchero si bagnera' e ciao caramello croccante !

Lasciate in frigo almeno 2 ore.

Al momento di servire cospargete la crema in ogni tazzina con 1 cucchiaio abbondante di zucchero di canna ,e con il cannello bruciatelo,
aspettate 5 minuti e ripetete l'operazione.

Servite! dovrete sentire "crack" quando affonderete il cucchiaino.

Note: io l'ho fatta con latte e panna di soya..buonissima e vellutata,
e ho sostituito lo zucchero bianco con Stevida,provate,non se ne accorgera' nessuno e avrete tagliato una bella fetta di calorie e grassi.

Se non avete il cannello per fiammeggiare,accendete il grill a massima potenza e dopo un minuto lo zucchero sara' caramellato, il problema sara' tenere in mano le tazzine dopo,quindi calcolate anche il tempo di raffreddamento!

Hasta luego!
y feliz dia!
simona







Commenti

  1. Simo e non mi dici qual'è questo bel posto?:)
    Adoro la crema catalana ma non l'ho mai preparata....mi salvo la tua ricetta!!! Un bacione e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Simo!sono certa che se ci pensi un'attimo ..capisci subito !!
      Besitos!

      Elimina
  2. Anche io adesso sono troppo curiosa di sapere quale fosse questo posto magico. Sicuramente ti ha conquistato il cuore. Non ho mai fatto la crema catalana ma l'ho mangiata in Spagna. Deve proprio fare crock

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Elena!..lo so che dalla mia descrizione sembra impossibile,,ma e' proprio Ibiza!
      e falla la crema catalana,ne vale proprio la pena,e' un dessert raffinato ,semplice da preparare e piace a tutti!
      a presto!

      Elimina
  3. Amo questo post. E' la 4 volta che lo leggo. Avevo capito che parlavi di Ibiza, non ci sono mai stata, ma i braccialetti tintinnanti e le saline... :-)
    Amo la Spagna, ma quella che descrivi tu, quella dei mercati, dell'amicizia, della condivisione, dei pi inc con gli sconosciuti, dei parchi giochi pieni fino a notte, dei bimbi scalzi, delle birre seduti per terra in piazza. E non sono mai riuscita a fare una crema catalana degna di questo nome. Domenica sera ho gente a cena. Prova ad indovinare quale sarà il dessert? Grazie Simo... <3

    RispondiElimina
  4. ciao Elisabetta!hai cominciato il trasloco?? :-)
    io ho amato l'inverno su quell'isola,e l'ho vissuto proprio come l'ho descritto,immaginato di invecchiare anch'io con i braccialetti e sottanoni..poi la vita ha disegni diversi , come diceva Forrest..non sai mai quale cioccolatino ti capita in mano!
    se farai la crema catalana (el dulce de leche mas rico!)...dimmi com'e' andata!
    besos!ole'!

    RispondiElimina
  5. Arrivo qui da AIFB, benvenuta e questa crema Catalana ha un aspetto così bello che te la copio presto...un bacino a Pepsi,

    RispondiElimina
  6. ciao Flavia!benvenuta!se la provi dimmi se ti e' piaciuta!..Pepsi ringrazia!
    a presto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari